The Dead South

2022 | Interview

Il gruppo che è riuscito a portare il folk bluegrass a milioni di persone: The Dead South

 

The Dead South, un gruppo canadese che fa un bluegrass di grandissima qualità ed energia, assolutamente irresistibile dal vivo suonerà al JazzAscona sabato 27 giugno 2022 nella loro prima tappa svizzera e l’unica tappa al sud delle Alpi.
Più volte premiata con un Juno Award (il Grammy canadese), la band è nata nel 2012; ha suonato diversi concerti prima di pubblicare nel 2013 il primo EP, The Ocean Went Mad and We Were To Blame, cui hanno fatto seguito tre album, The Good Company nel 2014, Illusion & Doubt nel 2016 e Sugar & Joy nel 2019.
Portata dalla trascinante voce di Nate Hilts, da una strumentazione che include chitarra, mandolino, violoncello e banjo e da una repertorio di celebri cover e di proprie composizioni, la band ha visto aumentare molto la sua popolarità dal 2016 dopo la pubblicazione su YouTube del video che accompagna la canzone In Hell I’ll Be In Good Company, tratta dal loro album di debutto, che da sola ha totalizzato quasi 300 milioni di views.

The Dead South - Colton Crawford - Jazz Ascona 2022

Colton Crawford, The Dead South ©JazzAscona – Photo credit G. Pozzi

Intervista a Colton Crawford, il banjoista della band

Voi siete i Dead South. Vengono in mente molte associazioni. Cosa vi ha ispirato, dieci anni fa, a darvi questo nome? 

Ci fanno spesso questa domanda. Avevamo un batterista nella band e lui ha proposto il nome The Dead Souths, ma non ci piaceva come suonava il plurale “Souths”, quindi abbiamo eliminato la “s”. Il nome sembrava adattarsi alla musica ed è rimasto. Avevamo il nostro primo concerto locale prenotato in apertura per alcuni amici, e non avevamo un nome! Così abbiamo dovuto inventarci qualcosa, è stato così, ed è rimasto.

Qual è l’essenza della cultura bluegrass? Cosa porterete ad Ascona?

Non siamo assolutamente un gruppo bluegrass tradizionale, quindi quello che porteremo ad Ascona sarà la nostra versione del bluegrass mescolata con influenze punk, rock e metal che abbiamo ascoltato crescendo. Siamo una band “bluegrass” nella strumentazione, ma ci sentiamo più come una band punk o rock in termini di come scriviamo le canzoni e come ci esibiamo. Tuttavia, amiamo la musica bluegrass, in particolare il suo elemento narrativo, e questo traspare anche nella nostra musica.

 

Il vostro sound si basa su una configurazione di violoncello, mandolino, banjo e chitarra. Come è nato? Come si sono uniti questi strumenti per formare i Death South che conosciamo oggi?

Io avevo appena iniziato a imparare il banjo e Nate aveva appena iniziato a cantare e a scrivere canzoni con la chitarra acustica. Danny suonava da sempre il violoncello e Scott non aveva mai toccato un mandolino prima di unirsi alla band. In pratica, questi erano gli strumenti che avevamo in giro, e sono quelli con cui abbiamo suonato. Non abbiamo iniziato cercando di creare una band bluegrass o altro, non pensavamo nemmeno di registrare album o di fare concerti, eravamo solo amici che uscivano e suonavano per divertimento. Come è successo per il nostro nome, ha funzionato, così abbiamo continuato a seguirlo, a imparare i nostri strumenti e a capire come creare canzoni interessanti solo con quei quattro strumenti.

The Dead South - Jazz Ascona 2022

©JazzAscona – Photo credit Gioele Pozzi

Venite da Regina, nella regione canadese del Saskatchewan, e avete fatto molta strada. Come descrivereste la vostra città natale al pubblico della Svizzera meridionale?

È molto pianeggiante, campi di grano e di colza a perdita d’occhio. È talmente piatto che per ridere qui diciamo che puoi vedere il tuo cane scappare per tre giorni, ed è vero. Il motto della provincia è “Land of the Living Skies”, perché si può vedere fino all’orizzonte e il cielo è ricco di scenari meravigliosi. Noi veniamo da Regina, una piccola città di circa 300.000 abitanti, un posto molto tranquillo. È molto bello tornare lì dopo essere stati in tournée in tutto il mondo e rallentare un po’ le cose.

 

Quest’estate terrete decine di concerti in Europa e negli Stati Uniti. Siete impegnati fino al 2023. Allo stesso tempo avete appena pubblicato il doppio album Easy Listening for Jerks (2022). Come riuscite a bilanciare le tournée con lo sviluppo di nuove canzoni?

Quest’anno siamo stati soprattutto in tour e non abbiamo scritto molto materiale nuovo. Abbiamo qualche mese di pausa all’inizio del 2023 per sederci e ricominciare a scrivere. In genere è piuttosto difficile scrivere canzoni in tour, quindi ci concentriamo solo sulle nostre esibizioni dal vivo e sul suonare le canzoni che già conosciamo. Poi, quando torniamo a casa dal tour, ci riuniamo e ci sediamo a scrivere. 

Avete una forte base di fan. Centinaia di milioni di visualizzazioni dei vostri video musicali su YouTube. Questo deve essere energizzante! Che cosa è successo?

Siamo stati fortunati. Qualcuno ha postato il video musicale di In Hell I’ll Be In Good Company su Reddit, ed è esploso lì. Questo ci ha portato milioni di visualizzazioni su YouTube e grande notorietà. È stata la nostra “grande occasione”, per così dire. È piuttosto incredibile che sia successo, come ho detto non ci aspettavamo nulla di tutto questo, quindi stiamo solo cercando di cavalcare l’onda finché possiamo e vedremo quanto ci porterà lontano.

 

Che consiglio daresti ai giovani musicisti che vogliono trovare il loro posto nell’industria musicale?

Ripetizioni, ripetizioni, ripetizioni. Esercitatevi in continuazione, eseguite le vostre canzoni in continuazione. Se volete suonare dal vivo, suonate il più possibile. Se volete registrare, registrate il più possibile. Presentatevi e fate il vostro lavoro. La costanza nel tempo è il più grande fattore di successo, secondo me. Non pensateci troppo, fatelo e basta! E siate pazienti! Un’altra cosa che vorrei aggiungere è che occorre cercare di trovare QUALCOSA che vi aiuti a distinguervi dalla massa. Noi abbiamo gli abiti e i passi di danza sciocchi. Se avete visto il video musicale di In Hell e vedete una nostra foto, sapete chi siamo. Avere qualcosa che ti faccia risaltare è molto importante.